Gamelyn Games è un editore americano – noto sopratutto grazie a Kickstarter – che ha fatto della piccolezza (in tutti i sensi) il proprio marchio di fabbrica. In questi giorni, la casa con sede in Arizona è giunta al suo settimo progetto finanziato attraverso il portale di crowdfunding e, come tutti quelli che l’hanno preceduto, anche il nuovo gioco appena lanciato è contraddistinto – come dice il nome stesso – da durata e dimensioni contenute (tiny) ma, al tempo stesso, da meccaniche e strategie profonde e coinvolgenti (epic). Stiamo parlando di Tiny Epic Galaxies, il nuovo microgame di colonizzazione spaziale tanto economico quanto invitante.

 

Tiny Epic Galaxies (TEG a seguire) è il terzo titolo della serie Tiny Epic, lanciata l’anno scorso da Gamelyn Games: i precedenti Tiny Epic Kingdoms e Tiny Epic Defenders sono stati dei successoni e hanno già suscitato parecchio interesse in Europa, tant’è che l’italiana Giochix ha già deciso di portarli nel nostro paese. A proposito, proprio sul portale per il crowdfunding nostrano Giochistarter, domani inizierà la campagna per finanziare la versione italiana di Tiny Epic Defenders, mentre quella di Tiny Epic Kingdoms si è da poco conclusa con successo.

Tornando a TEG, la formula proposta è sempre la “solita” vincente: il gioco è una sorta di 4X (eXpand, eXplore eXploit ed eXterminate) con ambientazione spaziale, per un gruppo da 2 a 4 giocatori, con una valanga di pedine di legno personalizzate e una mini-espansione esclusiva, inclusa nella sola versione deluxe. Le regole sono piuttosto semplici: attraverso l’attivazione di una serie di dadi speciali, si raccolgono risorse (energia e cultura) e si colonizzano pianeti con le astronavi disponibili, cercando di ottenere quanti più punti vittoria possibili. Con la mini-espansione, poi, si aggiungono armi e satelliti, che aumentano sensibilmente l’interazione – e anche il tasso di belligeranza – tra i giocatori.

La durata media di una partita dovrebbe aggirarsi attorno alla mezz’ora, quindi siamo dalle parti dei cosiddetti eurolight (un po’ eurogame e un po’ family) così di moda negli ultimi anni e, a conferma del desiderio di leggerezza espresso dagli autori di TEG, il tutto ci viene proposto all’interno di una bella confezione che supera di poco i 10 centimetri di lato. Ciònonostante, i materiali sono davvero ricchi: ogni pezzo è in legno, tagliato con il laser e personalizzato; e c’è anche abbondanza di segnalini, dalle astronavi per ogni giocatore alla stelline che rappresentano il progresso dei diversi imperi.

Questo è in gran parte merito dei fondi raccolti finora, che hanno permesso di sbloccare numerose migliorie nella realizzazione e nel design, ma non solo: è già arrivata la modalità di gioco in solitario, che allarga l’esperienza da 1 a 4 giocatori, mentre tra gli stretch goal futuri ci sono anche i materiali per il 5° giocatore, oltre a una miriade di pianeti, armi e missioni segrete, che – aggiunte al gioco solo in un secondo momento – promettono di incrementare notevolmente la varietà e, quindi, la rigiocabilità di TEG.

Considerato il prezzo tutto sommato contenuto e le indubbie qualità del precedente Tiny Epic Kingdoms, ci sentiamo di potervene consigliare l’acquisto a cuor leggero.

Consigliato a: tutti, in particolare ai fan della serie “Tiny Epic” di Gamelyn Games e a quelli che hanno un debole per gli eurolight come Splendor e Otto Minuti per un Impero.

Livello di hype: alto.

Pledge minimo: 28 dollari per il gioco base, 36 per la versione che include la mini-espansione (spese di spedizione incluse).

Scadenza: 7 febbraio 2015.

Mercuzio

Mercuzio

Luca, "the Nightwriter"

vedi la biografia >>
Mercuzio

Latest posts by Mercuzio (see all)