“VAE VICTIS” è una rivista bimestrale francese dedicata ai wargames: iniziò le pubblicazioni nel 1995 sotto l’egida di Histoires et Collections (specializzata in libri di storia e di collezionismo) ma con il numero 122 essa passò direttamente nelle mani del suo Editore in Capo, Nicolas Stratigos, e per i colori della nuova casa editrice Cérigo Editions. Nella prima parte di ogni numero sono pubblicate delle recensioni approfondite su un buon numero di wargames, precedute da una carrellata sulle novità appena uscite ed accompagnate da scenari per giochi già in commercio, articoli storici, ecc.

La seconda parte della rivista  è invece dedicata alle battaglie “tridimensionali” (con le miniature) e contiene la recensione degli ultimi regolamenti provati dai redattori, resoconti di battaglie giocate (spesso accompagnati da articoli storici), consigli sul come costruire o dipingere miniature o elementi di paesaggio, tutte le novità in fatto di regolamenti e libri storici.

Ogni numero contiene anche un wargame completo in inserto, con una mappa in formato A3, un libretto con le regole ed una plancia di counters pre-tagliati. Chi decide di abbonarsi con la formula più “completa” oltre ai 6 numeri regolari della rivista (comprensivi del gioco) ogni anno riceve anche due wargames “fuori serie” con una mappa di formato doppio e un maggior numero di counters pre-tagliati.

 

Il numero 138 contiene due wargames completi in un’unica confezione e con un regolamento comune: Wissembourg e Spiecheren 1870. Si tratta delle prime battaglie combattute … e perse da Napoleone III, imperatore dei Francesi, contro la Prussia di Bismarck. La prima battaglia della campagna avvenne a Wissembourg il 4 Agosto 1770 al confine con la Prussia e furono le truppe bavaresi ad investire per prime la piccola guarnigione francese: nonostante l’eroismo dimostrato dalle truppe turche alla fine i cittadini decisero di aprire le porte ai bavaresi per salvare le loro abitazioni dall’intenso bombardamento del nemico. Così a Mac-Mahon, il generale in capo dei francesi, non restò che prendere atto del disastro e ripiegare. Due giorni dopo , il 6 Agosto 1770, furono i prussiani del generale Steinmetz a scombinare i piani di Von Moltke con un spostamento non autorizzato dei suoi 60.000 verso Forbach che lo mise di fronte ai 120.000 francesi nei pressi di Spicheren. Il generale Francese Frossard, nonostante la superiorità di mezzi e di uonomini, alla fine decise di effettuare un ripiegamento verso Sarreguemines lasciando ai prussiani il possesso di un solida linea difensiva: pur avendo sostenuto perdite rilevanti ancora una volta furono quindi i prussiani ad avere vinto la battaglia.

Questo numero contiene anche due nuovi scenari: il primo è dedicato ad ASL e descrive lo scontro tattico combattuto l’ 8 maggio 1943 in Tunisia, vicino al villaggio di Bir Halima, da elementi del 5°  Reggimento francese Chasseurs d’Afrique  contro elementi della 21a Panzer Division tedesca

Il secondo invece è per  Mémoire ’44 e simula i combattimenti del 15 Dicembre 1943 attorno alla chiusa di San Michele, in Italia, fra l’8° Reggimento dei Tirailleurs marocchini del CEF (Corpo Spedizionario Francese) e ed il 578° Reggimento di fanteria tedesco 

In questo numero, oltre alle news sugli ultimi titoli pubblicati, sono state analizzati in dettaglio i seguenti wargames: Pendragon (GMT), Democracy under SIege (dell’autore italiano Luca Camisa, edito da The Game Crafter), ASL – Forgotten War: Korea (della MMP, primo tomo della serie dedicato ad un periodo diverso dalal Seconda Guerra Mondiale), L’Armée du Nord (Clash of Arms), Special OPS : Autumn for Barbaross (The Gamers/MMP), Old School Tactical: Western Front (Flying Pig Games), Next War: Poland (GMT) e Ligny 1815: Last Eagles (Hexasim).

Completano la rivista un articolo storico sulla guerra Franco-Prussiana e le battaglie di Wissemburg e Spicheren (a completamento del wargame in inserto), alcuni approfondimenti per la regola AdG (per miniature), note storiche e scenario per miniature sulla battaglia di Wolfenbuttel (1641), una partita giocata con il regolamento per miniature “Men who would be Kings,  una guida alle miniature “coloniali” in 28 mm, un semplice regolamento completo per neofiti basato sulla battaglia di Waterloo, ulteriori scenari per la battaglia di Saratoga 1777 (i primi erano stati pubblicati nel numero precedente) e le ultime novità su riviste, libri storici, regolamenti per le miniature. Infine la solita parata di novità per i soldatini di piombo, tutti rigorosamente dipinti a mano.

Potete vedere l’elenco completo degli articoli, con i rispettivi autori, degli inserti e delle altre rubriche al seguente indirizzo BigCream.

Obelix

Obelix

Pietro, “BigCream”

vedi la biografia>>
Obelix

Ultimi articoli di Obelix (vedi tutti)