PAPUA IN SINTESI

Pro: regole semplici permettono di entrare subito nel vivo del gioco anche ai neofiti, pur mantenendo un certo livello di profondità per non spiacere anche ai gamer più navigati.

Controdadi, dadi, dadi. Per chi non l’avesse capito è tutto un piazzamento di dadi: in parte i risultati sono mitigabili, ma contro le catastrofi potete solo rassegnarvi.

Consigliato achi si lascia trasportare dal concetto di esplorazione che ti porta qua e là alla ricerca di qualcosa che, molte volte, può essere la sfortuna!

Valutazione Globale
Realizzazione
Giocabilità
Divertimento
Longevità
Prezzo

Idoneità al solitario:
assente

Incidenza della fortuna:
alta

Idoneità ai Neofiti:
alta

Autore:
D. Ibáñez e J. García

Grafica ed illustrazioni:
Pedro Soto

Anno:
2018

Papua in una citazione?
Nella sua grandezza il genio disdegna le strade battute e cerca regioni ancora inesplorate.(Abraham Lincoln) –

Sì, perché nel gioco portato in Italia dalla Devir per 2-4 giocatori, si parla proprio di esplorazioni a 360°: si devono incontrare indigeni, sviluppare capanne, esplorare flora e fauna dell’isola, recuperare cibo per sfamare i propri esploratori…

Allora, “Scopriamolo” insieme!

papua_devir_balenaludens

La scatola di Papua, in Italia grazie a Devir.

Unboxing di Papua

Il tabellone centrale, ben disegnato, è il fulcro di tutto il gioco: le azioni, i punti vittoria, i punti stanchezza vengono gestiti qui.

Completano il contenuto della scatola:

  • 10 dadi customizzati (da 1 a 5 + un lato catastrofe);
  • 15 meeple esploratore + 1 token prestigio + 1 capanna + 1 energia (per giocatore);
  • 13 segnalini “Logistica”;
  • 30 segnalini cibo;
  • 40 monete in cartone;
  • 5 indicatori di zona + 1 indicatore di zona proibita (X);
  • 35 carte spedizione + 7 carte scienza;
  • 18 carte appunti di viaggio.

papua_devir_balenaludens

Il tabellone di Papua, con una partita in corso.

Setup

Il tabellone principale è il punto di partenza di tutte le vostre esplorazioni sull’isola di Papua, quindi piazzatelo al centro del tavolo.
Date ad ogni giocatore i quindici esploratori e le tre pedine di legno del colore scelto. Ognuno pone davanti a sé uno schermo e vi “nasconde” dietro la propria dote iniziale: 7 dei 15 esploratori, 3 monete e 3 segnalini cibo.

Mischiate (separatamente) i due mazzi carte Appunti di viaggio e piazzate il mazzo marchiato sul dorso con “I” coperto sul tavoliere alla destra del tabellone nell’apposita zona. Tenete il secondo mazzo a portata di mano.

Fate lo stesso con le carte spedizione e toglietene 5 casualmente dal mazzo (non saranno usate durante la partita).

Mischiati e disposti a faccia in giù i tredici segnalini Logistica sul cerchio rosso nella zona centrale del tabellone, giratene 3 (2 se in meno di 4 giocatori) nei cerchi circostanti.

papua_devir_balenaludens

Le armi del buon esploratore di Papua: da 5 a 10 dadi da lanciare ad ogni turno!

Ogni giocatore:

  • pesca casualmente una carta scienza, la mette a faccia in su (visibile a tutti) e spiega agli altri la propria abilità speciale (utilizzabile 1 volta a partita!);
  • piazza la propria pedina prestigio (coccarda) sulla prima casella segnapunti;
  • mette la pedina capanna vicino alle capanne disegnate alla sinistra del tabellone.

Il primo giocatore piazza la propria pedina energia sulla casella 50 del relativo tracciato. In senso orario, gli altri giocatori piazzano la loro pedina sotto la precedente, in modo che si venga a formare una pila di pedine, con la pedina del primo giocatore in cima e quella dell’ultimo giocatore sotto.

Prendete i vostri zaini, fate il pieno di coraggio, provviste e partiamo alla scoperta di Papua. Buona… fortuna!

Il gioco

Riagganciandoci all’augurio appena espresso, vi ricordiamo prima di proseguire con la lettura, che Papua è un gioco di dadi.

Ad ogni vostro turno vi troverete infatti a lanciare da un minimo di 5 dadi (dotazione iniziale) ad un massimo di 10 (situazione raggiungibile andando a sviluppare il proprio accampamento, aumentandone la dimensione e di conseguenza la capacità di accogliere dadi-esploratori).

Premettendo che nessun “giocatore german” è stato ferito per la realizzazione di questo gioco, ci teniamo solo ad avvisare gli amanti del controllo: Papua in realtà permette di ovviare in parte ad un lancio di dadi sfortunato, ad eccezione delle “catastrofi” (ma anche qui, il denaro può fare miracoli!).

papua_devir_balenaludens

Le carte scienza vi daranno un potere unico, ma da utilizzare solo 1 volta durante tutta la partita.

Addentriamoci quindi nell’isola per capirne meglio le dinamiche e le azioni che potete svolgere.

Nella prima fase, chiamata “fase iniziale”, dovete:

  • rivelare 3 nuove carte Spedizione e porne una in ogni zona (giungla, fiume, vulcano);
  • rivelare i segnalini Logistica nella relativa zona;
  • scoprire una nuova carta “appunti di viaggio”;
  • stabilire il nuovo ordine di turno in base alle posizioni del tracciato energia (ricordatevi che chi ha il proprio segnalino più in alto su una pila, ha più energia!): chi ha meno energia sarà primo nel turno.

Ad ogni turno, durante questa fase, il giocatore che si trova ultimo sul tracciato dell’energia, sceglie una delle 6 zone disponibili battezzandola come “proibita”: da quel momento in poi, fino alla fine del turno, nessuno può inviarvi esploratori.

Il numero di esploratori che si possono inviare ogni turno alla scoperta dell’isola in Papua sono rappresentati dai dadi, che presentano valori da 1 a 5 e una faccia catastrofe.

Per ogni catastrofe “lanciata”, se non avete una moneta da pagare, siete costretti ad eliminare uno dei vostri token esploratori (il che vi limiterà non poco nello svolgimento del gioco).

papua_devir_balenaludens

Segnapunti sagomati a forma di Coccarda: i materiali in Papua sono ben realizzati!

Una volta lanciato il proprio pool di dadi, questi vengono divisi per valore ed il giocatore di turno decide quanti usarne e come, tenendo presente che:

  • se il relativo valore del gruppo non ha già un token indicatore (da 1 a 5) sul tabellone, il giocatore può decidere a quale zona applicarlo;
  • se viene piazzato il token su una zona libera, il giocatore deve mandare almeno 1 esploratore in quella zona;
  • il numero di dadi dello stesso valore indica il numero di esploratori massimo che si possono inviare nella zona “marchiata” con lo stesso valore (es: 3 dadi con valore 2, permettono di inviare fino un massimo di 3 esploratori nella zona con token indicatore “2”);
  • per ogni esploratore inviato in missione in una qualsiasi zona, bisogna aggiornare il proprio indicatore di energia facendolo indietreggiare di 1 punto (si sa, esplorare richiede fatica!);
  • non è obbligatorio usare tutti i dadi lanciati.

Le monete sono molto importanti non solo per evitare una o più catastrofi uscite durante il vostro lancio, ma anche per aumentare o diminuire il valore di un dado, prima di assegnarlo ad una zona!

Nella fase successiva, quella di risoluzione, potete inviare i vostri esploratori alla ricerca di qualcosa di specifico nelle 6 zone principali in cui è diviso il tabellone.

Zona delle Capanne

Esplorare l’isola di Papua con l’aiuto dei nativi vi permette di trovare luoghi sempre più adatti per ampliare il vostro quartier generale.

papua_devir_balenaludens

La zona della capanne: ampliare la propria aumenta gli esploratori nella riserva personale e i dadi da lanciare ad ogni turno!

Per ampliare una capanna, facendola “evolvere” al livello successivo, bisogna piazzare il numero di esploratori richiesto per l’upgrade nella relativa zona.

Aumentare la capacità della propria capanna porta 2 vantaggi molto importanti:

  • guadagnare immediatamente esploratori da aggiungere alla propria riserva (a seconda del numero di omini disegnati sul livello di capanna appena raggiunto);
  • aumentare il numero di dadi da tirare ad ogni turno (vedi il numero disegnato sul dado del livello raggiunto, massimo 10);
  • mitigare l’alea: durante il lancio dei dadi, il giocatore può scegliere direttamente il risultato di un numero di dadi pari al numero di esploratori indicati dalla capanna dove si trova la sua pedina (1 o 2): piazza infatti direttamente i dadi sul risultato scelto invece di tirarli.

Zona della Logistica

Una corretta organizzazione di una spedizione, la Logistica svolge un ruolo importante: anche in Papua troverete vantaggi quindi a sfruttare questa zona.

papua_devir_balenaludens

La logistica: chi ha la maggioranza nella zona, sceglie tra i segnalini ancora disponibili ad ogni turno.

Ad ogni turno, 2 o 3 (a secondo del numero dei giocatori) segnalini Logistica vengono girati e permettono al giocatore con la maggioranza di esploratori nella zona a fine turno, di poter scegliere il segnalino desiderato. Seguono nella scelta, se presenti, i giocatori con la seconda o la terza maggioranza.

Questa meccanica di maggioranze, che viene ripresa anche nella zona degli “Appunti di viaggio”, è molto selettiva e rende il successo nella zona di difficile attuazione per chi è primo di turno: gli ultimi giocatori a giocare, e più specificamente proprio l’ultimo, hanno sempre la possibilità (dadi e numero di esploratori a disposizioni permettendo) di andare a stravolgere i piani.

Nella zona Logistica, giocando in 3 non ci saranno quindi segnalini per tutti (ne vengono girati 2 a turno), ma l’effetto è ancora più evidente negli appunti di viaggio dove il “premio” disponibile è sempre e solo uno!

Chi ha osato ed è riuscito a mantenere la maggioranza potrà aggiudicarsi, a seconda del dischetto rivelato:

  • da 2 a 6 punti prestigio;
  • da 3 a 5 punti energia;
  • 1 esploratore aggiuntivo;
  • cibo, punti prestigio o monete pari al numero dell’indicatore dado piazzato nella zona del turno.

Questo ultimo punto nasconde una dinamica estremamente interessante, in quanto conferisce alla zona un’importanza variabile a seconda dei turni non solo per i tipi di segnalini rivelati, ma anche per l’indicatore che il giocatore che per primo ha svolto l’azione nella zona ha deciso di assegnarle.

Uno dei segnalini Logistica è quello di “riposizionamento” che, una volta pescato, obbliga i giocatori a mischiare tutti i segnalini, già usciti o ancora da girare, in modo da non assicurare che tutti i segnalini escano in tutte le partite (e che alcuni escano anche più di una volta!).

Zona delle Spedizioni

Flora e fauna dell’isola di Papua nascondono specie colorate, affascinanti, pericolose… ma che spingono tutti gli esploratori a dedicare energie e investimenti economici per riuscire a collezionarle.

papua_devir_balenaludens

Inviare esploratori in spedizioni può risultare tanto fruttuoso quanto stancante. dosate bene le vostre risorse!

Quale meccanica di game design poteva rappresentarla meglio di quella dell’asta?

Vediamo come funziona: ogni turno vengono girate 3 carte differenti (in totale ci sono 7 tipi di carta per ognuna delle 7 specie, considerando tra queste anche le carte tribù). Vi avevamo detto che Papua non era solo un gioco di dadi

Ogni carta viene posizionata su una delle 3 tipologie di terreno (giungla, fiume o vulcano) che corrispondono alle 3 zone disegnate dietro allo schermo di ogni giocatore: nella fase di risoluzione, in contemporanea, tutti coloro che hanno posizionato almeno 1 esploratore nella zona delle spedizioni potranno decidere di puntare un numero qualsiasi di esploratori (tra quelli ancora nella propria “mano”) e aggiungervi delle monete. Il tipo di terreno scelto per posizionare l’offerta corrisponderà alla carta che si desidera portare a casa.

Per poter partecipare a 2 o 3 aste (puntate da fare tutte insieme e con la possibilità di aggiudicarsi anche più carte!) bisogna aver inviato nella zona delle spedizioni 2 o 3 esploratori durante la fase di piazzamento.

Una volta abbassati i propri schermi, per ogni slot, il giocatore che ha offerto il maggior numero di esploratori si aggiudica la carta. Le monete sono l’ago della bilancia per rompere eventuali pareggi. La maggior energia interviene per dichiarare il vincitore in caso di ulteriore situazione di equilibrio.

Le carte vinte, servono per creare dei set che a fine partita portano Punti Prestigio a seconda del:

  • numero di carte uguali (da una coppia fino a 5+);
  • numero di carte diverse (da 2 a 7).

papua_devir_balenaludens

Lo schermo segreto di un giocatore, con offerte d’asta per aggiudicarsi 2 carte!

Tenete presente alcuni aspetti importanti che rendono molto delicata l’offerta per l’asta:

  • possono essere usati solo gli esploratori che sono rimasti nella vostra riserva personale;
  • gli esploratori “puntati” non vengono persi, però si perdono tanti punti energia quanti la somma di tutti gli esploratori utilizzati per tutte le proprie scommesse, vinte o perse;
  • le monete puntate su zone che ci si aggiudica vanno pagate alla riserva (quelle su aste perse restano vostre);
  • ogni carta Tribù, oltre a concorrere per realizzare set a fine partita come tutte le altre, può essere scartate all’inizio di qualsiasi round per guadagnare 5 punti prestigio / 5 monete / 5 segnalini cibo / 2 esploratori / oppure tirare 10 dadi per il round in corso (al posto del numero di dadi ai quali avrebbe diritto).

Zona di Finanziamento

Non basta la buona volontà, per portare a termine una buona spedizione servono fondi: tutti i giocatori che desiderano recuperare monete durante il round devono sfruttare questa zona.

papua_devir_balenaludens

Monete per evitare catastrofi o correggere un tiro di dado sfortunato. Cibo per sfamare i propri esploratori.

Vediamo quindi quante monete si possono guadagnare con quest’azione:

  • per prima cosa verificate il simbolo riportato sulla parte alta della carta Appunti di Viaggio attiva nel round in corso ( +, -, =);
  • lanciate 3 dadi e, a seconda del simbolo della carta, conferite ad ogni giocatore nella zona tante monete quante il valore più alto (+), il più basso (-) o quello intermedio (=);
  • un dado catastrofe vale 0 (e non 10 come erroneamente riportato sul manuale!).

Ecco, qui la sorte in effetti si fa sentire di più ed è difficilmente plasmabile.

Zona di Caccia e Pesca

Non di solo denaro può vivere l’uomo… soprattutto se servono energie per proseguire la spedizione!

papua_devir_balenaludens

Le riserve di cibo sono importantissime per evitare di perdere punti prestigio e per mantenere la posizione di turno.

Ogni segnalino cibo infatti può essere utilizzato sia per evitare di spendere energia quando si compiono determinate azioni, sia per approvvigionare i vostri esploratori quando il vostro segnalino energia sorpassa determinati “healt-point” (mossa obbligatoria!).

Tutti i giocatori che hanno esploratori presenti nella zona, uno alla volta, tirano un numero di dadi pari al numero di avventurieri inviati nella stessa: il totale dei token guadagnati è dato dal numero degli esploratori + il valore del dado più alto – quello più basso (una catastrofe vale sempre 0!).

Zona di appunti di viaggio

Difficoltà, trucchi, segreti, gioie e momenti memorabili: non siate egoisti, documentate tutto per aiutare i posteri!

papua_devir_balenaludens

Gli appunti di viaggio: chi possiede la maggioranza della zona si aggiudica la carta attiva nel turno e ne applica subito i bonus!

Chi scrive gli appunti ad ogni turno? Semplice, chi invia il maggior numero di esploratori in questa zona.

Le carte appunti permettono di avere ottimi vantaggi da consumare immediatamente (salvo comunicazioni contrarie sulla carta stessa) non appena guadagnate.

In questa zona, facendola da padrona la maggioranza, vale il concetto espresso per la zona Logistica, con l’accortezza di ricordare che, in caso di parità tra 2 o più giocatori, la carta non viene assegnata a nessuno!

Fine del gioco

Anche le spedizioni più belle finiscono prima o poi e in Papua questo può avvenire in 2 modi:

  • quando non c’è più nulla da esplorare: se all’inizio di un round non si riesce a rimpiazzare tutte e 3 le carte spedizione;
  • quando si è stremati e senza più energia per proseguire: se uno o più giocatori scendono sotto lo 0 nel tracciato energia.

In entrambi i casi si termina il round in corso per poi calcolare i punti prestigio finali:

  • 5 punti ogni 3 monete rimaste;
  • 1 punto per ogni 2 token cibo;
  • 1 punto per ogni 3 caselle di energia rimaste sopra lo 0;
  • 1 punto per ogni esploratore nella propria riserva personale:
  • punti in base ai set di: carte spedizione uguali, carte spedizione differenti, carte appunti di viaggio accumulate.

Chi ha più prestigio, avrà scritto la migliore storia delle spedizioni!

Conclusioni

Papua è un gioco stretto, in cui però troverete sempre qualcosa da fare.

E’ un gioco di dadi, in cui però potete cercare di intervenire sulle scelte della dea bendata.

E’ un gioco di aste, dove però per partecipare si consuma energia.

Per questo suo essere tante cose insieme, dando l’idea comunque di essere ben bilanciato, Papua ci è piaciuto ogni volta che lo abbiamo intavolato.

papua_devir_balenaludens

Gli appunti di viaggio: chi possiede la maggioranza della zona si aggiudica la carta attiva nel turno e ne applica subito i bonus!

papua_devir_balenaludens

Interessante la meccanica che prevede di non avere zone fisse, ma variabili ad ogni turno a seconda del piazzamento dei segnalini dado, piazzati dal primo che ad ogni turno compie la relativa l’azione.

Come dicevamo all’inizio ovviamente non è tutto oro quello che “si trova” durante una spedizione: a partire da alcune piccole cose che potevano essere spiegate meglio (in un regolamento che comunque è piuttosto esaustivo), per continuare invece in un errore nel manuale italiano che se non notato sbilancia notevolmente il gioco (ricordatevi quindi che i dadi catastrofe nelle zone di Finanziamento e Caccia valgono 0 e non 10!).

Forse la cosa che più fa storcere il naso agli amanti del controllo è proprio il metodo di utilizzo dei dadi per recuperare monete o cibo: se il lancio è particolarmente “iellato”, la differenza tra avere 6 cibi / monete o 0, è enorme, e senza monete la dea bendata potrebbe rivelarsi decisiva.

Non possiamo negare che questa eventualità a volte si verifichi, però crediamo anche che Papua sia un tipo di gioco da prendere alla leggera gustando le sue potenzialità lancio dopo lancio, senza pretendere di avere il controllo su tutto quello che succede.

Preso così, è un gioco davvero da esplorare!

Si ringrazia Devir per aver reso disponibile la copia di valutazione del gioco.

Ti interessa qualche altro gioco? Forse lo abbiamo già recensito…

emmepi14

emmepi14

Emmepi14, “il facilitatore”

vedi la biografia>>
emmepi14

Latest posts by emmepi14 (see all)