SMILES & DAGGERS IN SINTESI

Pro: Smiles & Daggers ha poche regole e tempo di setup praticamente nullo. Vi sembrerà di entrare nella mente dei vostri avversari, o almeno lo crederete!

Contro: forse il tema del bluff non è così realistico e a volte le azioni sembrano un po’ dettate dal caso.

Consigliato a: tutti quelli che non si fanno scrupoli e riescono a dimenticare in fretta chi, per gioco, li ha “traditi” senza pietà!

Valutazione Globale
Realizzazione
Giocabilità
Divertimento
Longevità
Prezzo

Idoneità al solitario:
assente

Incidenza della fortuna:
bassa

Idoneità ai Neofiti:
elevata

Autore:
G. Giorgetti – A. Marchi

Grafica ed illustrazioni:
Daniele Dickman

Anno:
2018

Amo il tradimento, ma odio il traditore.Giulio Cesare –

Chissà cosa avrebbe pensato il buon Giulio di Smiles & Daggers, titolo edito in italiano dalla Giochi Uniti. 23 pugnalate a parte, il conquistatore della Gallia si sarebbe probabilmente molto  divertito, magari generando intorno a sé un bel po’ di astio visto che in ogni round del gioco di Smiles & Daggers si susseguono tradimenti e contro-tradimenti senza soluzione di continuità.

smiles & daggers

Ecco la scatola quadrata che contiene al suo interno un gran numero si sorrisi e tradimenti…

Unboxing di Smiles & Daggers

Per il loro addensato di cattiverie e bluff, Gianluigi Giorgetti e Andrea Marchi hanno pensato ad una scatola quadrata 20x20cm, a dire il vero un po’ sovradimensionata per il materiale contenuto:

  • 36 carte di grande formato (6 per ogni casata)
  • 49 monete di cartone
  • una tessera “giocatore di turno” in cartone
  • 1 regolamento (almeno questo riempie perfettamente i 20x20cm della scatola!)

Il cartone mediamente spesso e le carte telate danno comunque un’idea di buona resistenza dei materiali.

smiles & daggers

Artwork e unboxing: ecco cosa contiene la scatola di Smiles & Daggers.

Setup

Per essere fedele alla promessa di essere un gioco veloce, Smiles & Daggers presenta un setup velocissimo: ogni giocatore al tavolo sceglie una delle casate (nessuna asimmetria, solo colore e grafica differente tra le stesse) e prende le relative 6 carte.

smiles & daggers

6 casate, 6 mazzi da 6 carte l’uno: preparatevi a tutto…

Il giocatore che più di recente ha sorriso (forse sembrava brutto fare “l’ultimo ad aver tradito”?!), o un giocatore scelto in modo random, sarà il primo ad iniziare le “schermaglie” a corte.

Il gioco

Al di là dell’interessante descrizione che caratterizza fortemente le 6 casate (Drago, Kraken, Unipegaso, Idra, Chimera e Grifone), ognuna di esse inizia con un’identica dotazione di carte (l’artwork è veramente ben fatto):

  • 1 carta Lord
  • 2 carte Regina
  • 3 carte Cavaliere

Fedele al suo titolo, Smiles & Daggers presenta ogni carta “con una doppia personalità”, divisa a metà con una doppia visione dello stesso personaggio: una buona e una cattiva.

smiles & daggers

Tutti abbiamo una doppia personalità? Sicuramente i vostri alter-ego di Smiles & Daggers sì: ecco le carte a doppia faccia della casata dei Grifoni!

Vediamo un turno in dettaglio:

  • il giocatore di turno deve scegliere un avversario da sfidare a singolar tenzone;
  • entrambi gli sfidanti scelgono segretamente una delle carte rimaste nella propria mano e la giocano coperta sul tavolo;
  • a questo punto è il turno di tutti gli altri giocatori che, in ordine di gioco, possono decidere se passare o scommettere su una o entrambe le carte giocate dei duellanti (inseriamo più sotto una foto con un esempio di giocata/scommessa). Per scommettere si possono usare solo i Cavalieri: indovinare una tipologia di carta avversaria frutta 1 moneta, indovinarle entrambe, raddoppia la vincita. Attenzione però, sbagliare vi farà perdere il prezioso Cavaliere giocato;
  • le carte giocate dei due contendenti principali devono toccarsi per il lato corto. Questo sarà il verso che farà fede per la risoluzione del conflitto: giocare il lato “buono” del personaggio, significa voler recuperare monete (0, 1 o 2) ma anche esporsi alle “cattiverie” avversarie:
    • se entrambi hanno giocato il lato bianco, entrambi sorridono, ringraziano e possono portare a casa monete: 2 per il Lord, 1 per la Regina e 0 per il Cavaliere;
    • se solo uno dei due (o entrambi) hanno deciso di tradire mostrando il lato “cattivo” del proprio personaggio, si deve verificare se qualcuno dei due è riuscito ad assassinare il rivale: fedele al consolidatissimo  “sasso/carta/forbice”, ecco la meccanica chiave del gioco che vede la gerarchia di Smiles & Daggers basarsi su “Lord → Regina → Cavaliere → Lord”. La fazione più debole in gioco muore e la sua carta viene eliminata dal gioco. In caso di “nulla di fatto” ogni giocatore riporta a casa la propria carta senza che nulla accada;
  • una volta rivelate le 2 carte dei duellanti, si risolvono ricompense, tradimenti, scommesse vinte e perse;
  • cambia il giocatore di turno e si dà il via ad un nuovo “giro di giostra”.

smiles & daggers

Un esempio di turno: il Grifone (arancione) sfida la Chimera (azzurra). L’Unipegaso (in alto) scommette che entrambi hanno giocato il lato “buono” mettendo la sua carta con il verso scelto a cavallo dei 2 sfidanti. Mentre il Kraken (verde e nero) scommette che l’Unipegaso ha giocato “buono” e la Chimera invece “tradisce”, giocando la sua carta orizzontalmente tra le due, il Drago (rosso) pensa che il Grifone abbia giocato il proprio lato “buono”. L’Idra (verde e gialla), scommette invece solo sul “tradimento” della Chimera!

Il tempo è denaro e il denaro è potere in Smiles & Daggers: in questo rapido gioco di tradimenti, deduzioni e push your luck, il primo giocatore che colleziona 9 monete al termine di un round qualsiasi fa scattare l’unica condizione di fine partita. In quel round, il più ricco e influente vince!

smiles & daggers

Ecco il sogno di tutti: arrivare a 9 monete, dare il là al fine partita e vincere!

Conclusioni

La meccanica immediata e spiegabile a tutti in 5 minuti potrebbe far passare Smiles & Daggers davvero come una semplice riedizione del “sasso / carta / forbice”.

smiles & daggers

Il Lord batte la Regina, la Regina batte il Cavaliere, ma il Cavaliere batte il Re. Nessuno è al sicuro, mai abbassare la guardia!

Dopo qualche turno di gioco si capisce subito che in realtà è un caciaroso gioco di “psicologia inversa” (forse è un termine un po’ “grosso” ma rende l’idea) e tentativi di interpretare cosa il vostro avversario vorrà fare.

Non è tutto ora quello che luccica (a volte può essere un pugnale!) e visto che siamo in estate e le scuole stanno per finire, vi lasciamo due compiti per le vacanze, da svolgere man mano che farete pratica col gioco:

  1. capire se essere il giocatore di turno è più o meno conveniente rispetto a scommettere: giocando da “protagonista” potrete scegliere se puntare alle monete (non sempre facili) o provare ad arrecare danni agli avversari, però sempre rischiando di non vedere tornare il vostro paladino!
  2. capire se la dinamica di gioco che porta ad esaurire i cavalieri sbagliando una scommessa, non porti anche ad avere un vantaggio troppo grande per i prossimi giocatori di turno, che si troveranno a sfidare chi ne è privo: giocando un Re in quella situazione, infatti, si avrebbe la certezza di poter guadagnare 2 monete, che verso fine partita potrebbero fare la differenza.

Sotto l’ombrellone scorrerà sangue a fiumi…

Si ringrazia Giochi Uniti per aver reso disponibile la copia di valutazione del gioco.

Ti interessa qualche altro gioco? Forse lo abbiamo già recensito…

emmepi14

emmepi14

Emmepi14, “il facilitatore”

vedi la biografia>>
emmepi14

Ultimi articoli di emmepi14 (vedi tutti)