“IO GIOCO” è una rivista italiana che, come scrisse nel suo primo editoriale Roberto Vicario (direttore editoriale e promotore principale di questa nuova avventura ludica) “ha la voglia e l’ambizione di raccontarvi con passione il mondo dei table-top a 360° … dando spazio quindi  a dadi, carte, tasselli, miniature, manuali e tabelloni”.

Per questo Roberto si è rivolto a vari esperti del settore e ne ha ottenuto la collaborazione con il coordinamento di Massimo Calimera.

Una delle novità da loro adottata è quella di accompagnare le recensioni, oltre che con un giudizio globale da 1 a 10 (espresso con due dadi, uno per le decine ed uno per i decimali), con una serie di “termometri” (ne vedete un esempio nel disegno qui a sinistra) per dare una valutazione su grafica, usabilità, regolamento, materiali e meccaniche: più è alta la “febbre” sul termometro (a +1 a +5) e migliore è il giudizio.

Ogni numero di solito contiene anche qualche gadget promozionale per i giochi del momento e/o inserti speciali per nuove avventure, scenari, varianti, imprese inedite per GdR (tutti scritti normalmente da autori italiani), insieme ad approfondimenti per i titoli di cui si parla di più, articoli di carattere generale sul gioco (per grandi e piccini) scritti da esperti del ramo, oltre naturalmente alle normali recensioni.

Su questo Numero 10, per esempio, viene offerto in omaggio, in un inserto estraibile, una versione demo per il gioco Fantablitz ,  con una ventina di carte da ritagliare per giocare subito. Sempre al centro della rivista troviamo due moduli di espansione per Kingsburg: The Dice Game (recentemente pubblicato da Giochi Uniti/Stratelibri): Mercenari di Frontiera e Consiglieri personali.

Ma non finisce qui perché Silvano Sorrentino ci propone una variante a Sherlook (lo trovate in calce alle pagine della sua intervista), mentre ai giocatori di ruolo sono presentati un’avventura per Vampiri e una introduttiva per Four Against Darkness.

Sempre in “omaggio” troviamo infine due simpatici “cartellini per maniglie di Hotel” (lato rosso” Non disturbare: sessione di gioco in corso” e lato verde “Manca un giocatore, vuoi unirti a noi?”).

La prima parte della rivista contiene come sempre una carrellata delle novità in arrivo, l’intervista a Silvano Sorrentino di cui parlavamo più sopra, un accenno ai raduni per wargamers attualmente in organizzazione in Italia, la presentazione della maggior parte dei giochi pubblicati nel mondo e basati sul “Signore degli anelli” di Tolkien, un interessante articolo sul cosa giocare in famiglia (anche in base all’età dei figli) e le abituali rubriche (La mansarda,  Educere ludendo, I saggi consigli di Zoltar, ecc.). La prima parte si conclude con l’anteprima di Il Signore degli Anelli: Viaggi nella Terra di Mezzo.

La seconda parte della rivista è soprattutto consacrata, come al solito, alle recensioni, ed in questo numero  troviamo: Kingsburg: The Dice Game, Wingspan, Deckscape: Dietro al sipario, Four Against Darkness (GdR), Vampiri: La Masquerade (GdR), Root (appena proclamato a PLAY vincitore del Premio Goblin Magnifico per il miglior gioco per esperti del 2018), Mysterium, Concept Kids: Animals, Underwater Cities, Cryptid, Counterfeiters, Azul: Le vetrate di Sintra, Escape Room: il gioco, Warhammer Quest: Blacktone Fortress, Big Shot (Riedizione del classico gioco di Alex Randolph), Shadows of Brimstone: Forbidden Fortress, ecc.

Chiudono la rivista uno “speciale” che parla dei giochi basati sulla saga de “Il Trono di Spade“, un articolo su Pandemic per la colonna “Classici Moderni”, le istruzioni per dipingere accessori in “3D” per Pozioni Esplosive, alcune recensioni più brevi di giochi ed espansioni ed una serie di Classifiche dei titoli più “chiacchierati e più attesi” dai lettori della rivista.

Io Gioco è giunto ormai al decimo numero e possiamo dire che è arrivato ormai alla sua maturità: l’impostazione è diventata più stabile, articoli e recensioni sono impaginati meglio e sono più corretti, il mix di articoli è interessante, anche se ancora abbastanza orientato ai giochi di ruolo, di fantasy e di miniature: questo però assicura alla redazione un’audience più ampia e quindi non è da considerare un difetto, anzi. Non resta che augurarci che anche dal punto di vista finanziario le cose vadano altrettanto bene per assicurare alla rivista una lunga vita: dalla scomparsa di Per Gioco e di GiocAreA infatti si sentiva in Italia la mancanza di un periodico di questo tipo.

Vedi scheda gioco su Big Cream

Obelix

Pietro, “BigCream”

vedi la biografia>>
Obelix

Latest posts by Obelix (see all)