“VAE VICTIS” è una rivista bimestrale francese dedicata ai wargames: iniziò le pubblicazioni nel 1995 grazie alla volontà di un appassionato giocatore (Théophile Monnier) e sotto l’egida di Histoires et Collections (una ditta specializzata in libri di storia e di collezionismo) ma con il numero 122 essa passò direttamente nelle mani del suo Editore in Capo, Nicolas Stratigos, e per i colori della sua nuova casa editrice, la Cérigo Editions.

Nella prima parte di ogni numero sono pubblicate delle recensioni approfondite su un buon numero di wargames, precedute da una carrellata sulle novità appena uscite ed accompagnate da scenari per giochi già in commercio, articoli storici, ecc.

La seconda parte della rivista  è invece dedicata alle battaglie “tridimensionali” (con le miniature) e contiene la recensione degli ultimi regolamenti provati dai redattori, resoconti di battaglie giocate (spesso accompagnati da articoli storici), consigli sul come costruire o dipingere miniature o elementi di paesaggio, tutte le novità in fatto di regolamenti, libri storici e soldatini.

Ogni numero contiene anche un wargame completo in inserto, con una mappa in formato A3, un libretto con le regole ed una plancia di pedine (counters) pre-tagliate. Chi decide di abbonarsi con la formula più “completa” oltre ai 6 numeri regolari della rivista (comprensivi del gioco) ogni anno riceve anche due wargames “fuori serie” con una mappa di formato doppio e un maggior numero di unità.

 

Il numero 147 presenta il wargame Lex Saxonum 772-804, una simulazione a livello strategico della guerra combattuta da Carlomagno, re dei Franchi, contro i Sassoni. Praticamente ogni anno il Re Franco era costretto ad organizzare una campagna contro i suoi vicini germani che costituivano una seria minaccia per il suo regno: dopo averli più volte battuti emise una legge piuttosto severa (Capitulatio de Partibus Saxonie, detta appunto anche Lex Saxonum) che con gli anni accettò di rendere meno stringente per abituare la popolazione a collaborare, ma fu solo nel 804, dopo l’ennesima sconfitta, che i Sassoni entrarono di fatto nel regno carolingio. Il gioco include una mappa a zone ed una trentina di unità per parte, oltre ad un certo numero di pedine “stratagemma” ed una quarantina di marcatori.

Il presente numero contiene anche due scenari inediti:

Il primo è dedicato ad ASL ed è ambientato in Finlandia, vicino alla cittadina di Ahvenlati, e vede uno scontro fra elementi della 8a Brigata sciatori e l’80a Brigata di fanteria di marina sovietici contro elementi finlandesi e tedeschi appoggiati da alcuni carri che però non godono di grande mobilità per il grande accumulo di neve nella zona. La battaglia, combattuta il 2 Maggio 1942, si risolse con una netta vittoria dei finno-germanici e la liberazione di Ahvenlati.

Il secondo invece è per  Mémoire ’44 e ci riporta sul fronte occidentale nel Giugno 1940, un mese dopo l’invasione tedesca della Francia: ci sono ancora unità francesi che, nonostante la batosta ricevuta più a Nord, continuano a battersi contro il nemico. Nel nostro scenario la 27a Divisone di fanteria alpina francese attacca la fattoria di Mont de Soissons, (nell’Aisne) per cercare di sloggiarne i difensori, alcune unità tedesche del 13° Reggimento di fanteria.

Per quanto riguarda invece la parte redazionale in questo numero, oltre alle news sugli ultimi titoli pubblicati, sono state analizzati in dettaglio i seguenti wargames: Thunder in the East (edito da Victory Point Games: si tratta di un “monster game” sulla campagna di Russia del “veterano” Frank Chadwick, autore dei due titoli precedenti sullo stesso argomento, Drang Nach Osten e Fire in the East), Twilight Imperium 4th Edition (il grande gioco di guerre spaziali della Fantasy Flight Games), Hitler’s Reich (GMT), Santa Cruz 1797 (Bellica Third Generation), Korea: Fire & Ice (della Compass Games, primo volume di una nuova serie  chiamata “Operational Scale System”), Dog Sector (sullo sbarco americano in Normandia, edito da White Dog Games), ASL Starter Kit n° 4 (una mini-serie edita da MMP Games che usa regole semplificate e che con questo volume introduce la guerra nella giungla), Less than 60 MIles (di Red Line Games, che ha come soggetto un ipotetico attacco delle truppe del Patto di Varsavia nella zona di Fulda, negli anni ’70) ed infine una recensione di ARMIR (gioco italiano realizzato da Piergennaro Federico ed apparso sul numero 5 della rivista Para Bellum: esso tratta l’attacco sovietico alle truppe italiane nell’inverno 1942, durante al Campagna di Russia). Completa questa prima parte uno studio sulla strategia da adottare nel gioco Les guerres du Roi Soleil, edito sempre da Cérigo ma come wargame a sé stante: ci sono anche alcune modifiche e qualche pedina aggiuntiva.

La prima parte della rivista viene chiusa da un articolo storico sulle guerre combattute da Carlomagno contro i bellicosi Sassoni che minacciavano il suo Regno da Est.

La seconda parte inizia con due scenari per il regolamento “What a Tanker”, seguito dalla recensione di “Oil War” (una espansione del regolamento Team Yankee), da uno scenario sulla presa di Marsiglia nel 1944 (dopo lo sbarco alleato nel Sud della Francia nell’ambito della “Operazione Dragoon”), il resoconto di una battaglia con la regola “Donnybrook”, la presentazione di due scatole contenenti soldatini e mezzi corazzati da utilizzare con delle regole simili a quelle di “Tanks” (Fury e Hit the Beaches).

Nelle ultime pagine della rivista  troviamo una panoramica sugli ultimi regolamenti per miniature, un interessante articolo di Jean-Philippe Imbach con la presentazione di tutti i libri che consigliano come dipingere i soldatini, tre scenari “napoleonici” sulla battaglia della Moscowa (regolamento “Battailles Impériales), l’elenco di tutti i libri a soggetto storico usciti negli ultimi mesi , una breve descrizione dei contenuti degli ultimi numeri di altre riviste dedicate ai wargames e la solita “parata” di miniature di piombo dipinte.

 

Per maggiori dettagli collegatevi al seguente indirizzo:

 

Clicca qui sopra per vedere il dettaglio degli articoli pubblicati e dei loro autori.

Obelix

Pietro, “BigCream”

vedi la biografia>>
Obelix

Latest posts by Obelix (see all)