Non è un invito per fondare una setta, ma il concetto su cui si basa Harmonies, il nuovo gioco da tavolo edito da Asmodee Italia che porta sui nostri tavoli un’armonia “astratta” ma dalla grafica e meccaniche semplici e sfidanti.

Token, animali e ambienti…

La scatola di Harmonies si presenta con una grafica evocativa che trasporta immediatamente in un mondo fantastico. 

All’interno oltre al tabellone centrale e alle plance giocatore (doppio lato per offrire due esperienza di gioco differenti) fanno da regina le carte splendidamente illustrate e una serie di token colorati in legno che rappresentano i vari elementi di un habitat (fiumi, campi, edifici, alberi, montagne). La qualità dei materiali è alta, come ci ha abituato Asmodee, con una particolare menzione per le illustrazioni che sono davvero evocative e contribuiscono a creare un’atmosfera magica.

Custodi della natura in competizione per creare l’equilibrio migliore

In Harmonies, gioco astratto da 1 a 4 giocatori, tutti assumono il ruolo di abili custodi della natura, chiamati a plasmare paesaggi rigogliosi e ospitali per una varietà di animali selvatici. 

Muniti di token colorati e cubetti raffiguranti diverse creature, i giocatori si cimentano nella creazione di habitat ideali, posizionando sapientemente gli elementi sulla propria plancia personale.

Svolgimento del gioco

Harmonies ha un turno di gioco semplice ma interessante: ogni giocatore sceglie un’azione tra diverse opzioni: 

  • scegliere un gruppo di 3 token tra i 5 gruppi disponibili sul tabellone centrale posizionarle tutte sulla propria plancia (obbligatorio);
  • piazzare un cubetto animale se l’ambiente lo permette (opzionale);
  • pescare una nuova carta animale dal bucket centrale.

Il twist del gioco sta nel piazzare i token in modo tale da poter ottenere punti di fine partita: 

  • creando pattern di laghi, praterie, foreste e montagne, secondo combinazioni predefinite e dando vita a scenari sempre più variegati;
  • creando degli habitat richiesti dalle carte animali, piazzando gli elementi di cui sopra seguendo le indicazioni di ogni carta animale, attirando così le relative specie a stabilirsi negli habitat idonei.

Ad ogni turno queste scelte diventano sempre più importanti proprio per capire se utilizzare il piazzamento dei token per creare un habitat per uno dei propri animali, o concentrarsi sulla creazione del paesaggio naturale per le conformazioni di fine partita.

Ad ogni turno quindi l’importanza delle scelte si sente, anche se queste non intaccano il tempo di gioco finale che, anche in quattro giocatori al tavolo, non presenta particolari downtime e non supera i 30/40 a partita.

Espandiamo con un tocco di magia?

Potete fare aleggiare un pizzico di “magia” su Harmonies grazie alle carte Spirito della Natura. Ogni giocatore ne sceglie una tra le due pescate e la pone davanti a sé (funziona come una carta Animale e quindi occupa uno dei quattro slot a disposizione per le carte) per il resto della partita collocandovi sopra un cubo natura: se riuscire a piazzarlo, vi permette di ottenere punti vittoria aggiuntivi per ogni composizione di habitat differente dalle regole base.

L’utilizzo strategico di queste carte aggiunge variabilità al gioco e possibilità di nuove scelte durante al proprio turno.

Considerazioni

Harmonies è un gioco che conquista fin dal primo sguardo per le illustrazioni di Maëva Da Silva che sono una vera e propria ode alla bellezza della natura, trasportando i giocatori in un mondo di colori vibranti e paesaggi incantevoli. 

Ma Harmonies è più di “un bel visino”, infatti le meccaniche di gioco, semplici da apprendere ma profonde nella strategia, offrono un’esperienza appagante sia ai neofiti che ai veterani alla ricerca di un “filler +”.

Ringraziamo Asmodee Italia per la review-copy usata per questa recensione.

Ti interessa qualche altro gioco? Forse lo abbiamo già recensito…

Siamo su Facebook

emmepi14
Latest posts by emmepi14 (see all)