All’inizio Kickstarter rappresentava un modo semplice per i non professionisti di aggirare i rischi imprenditoriali del loro settore: un progetto così finanziato non poteva certo fallire per motivi economici, perché i fondi arrivavano prima ancora delle vendite. Evidentemente questa funzione di “salvagente” è stata superata e ora il nome stesso della piattaforma è diventato un valore aggiunto, tant’è che marchi affermati come CoolMiniOrNot, Devil Pig Games e Indie Boards & Cards continuano a finanziare i loro nuovi giochi attraverso il portale di crowdfunding per eccellenza. Questa volta vi parleremo, infatti, di una serie di successi preannunciati, ovvero Zombicide Season 3: Rue Morgue, Shadows over Normandie e l’espansione Call Of Duty per Flash Point: Fire Rescue.

 

Chi l’avrebbe mai detto che giunto alla terza stagione (con relativa espansione aggiuntiva Angry Neighbors) Zombicide sarebbe riuscito a riscuotere ancora più successo delle volte precedenti? C’è chi lo critica, chi sostiene che si tratti di un gioco sovrastimato e chi lo giudica troppo americano, eppure ogni volta i pledge scontatissimi riservati ai cosiddetti “early bird” si esauriscono in poche ore e il traguardo del finanziamento viene già raggiunto nella prima giornata. Zombicide Season 3: Rue Morgue è sia un’espansione per chi già possiede le versioni precedenti, sia un nuovo gioco stand-alone con regole a sé stanti. Ci sono i soliti sopravvissuti – con la relativa versione zombivora – e orde di morti viventi assetati di sangue, ma questa volta c’è una novità davvero sostanziale: oltre alla solita modalità cooperativa, ce n’è una nuova competitiva in cui dovranno fronteggiarsi due fazioni contrapposte di giocatori. Come d’uopo, gli stretch goal già sbloccati sono corposissimi: nuovi sopravvissuti presi in prestito dal mondo del cinema, zombie in versione VIP, corvi, dadi speciali e portaschede deluxe, insomma chi più ne ha più ne metta.

Consigliato a: chi non vive senza Zombicide e ha già finito la miriade di scenari ad oggi disponibili.

Livello di hype: alle stelle.

Pledge minimo: 100 dollari per il gioco, 150 dollari per il pack che include anche l’espansione Angry Neighbors.

Scadenza: 27 luglio 2014.


Heroes of Normandie ha parecchi punti in comune con Zombicide: entrambi hanno visto la luce su Kickstarter, entrambi hanno riscosso un notevole successo in termini di finanziamenti ed entrambi hanno suscitato un vespaio di polemiche circa le rispettive meccaniche di gioco. Già, perché Heroes of Normandie è stato tacciato fin da subito di essere un “non-wargame”, cioè uno strategico di guerra troppo semplificato e troppo ruffiano. In realtà, come abbiamo avuto modo di vedere nella nostra recensione, non è propriamente così e, anzi, si tratta di un titolo a modo suo originale e decisamente azzeccato. Non ci sorprende, quindi, la scelta della Devil Pig Games di “riprovarci” con il sequel Shadows over Normandie, che era in realtà un add-on già previsto nel primo Kickstarter, ma viene riproposto con l’obbiettivo di migliorarne il contenuto e la qualità (gratuitamente per chi lo aveva già pagato, è chiaro, beati loro!). Per farvela breve, siamo al cospetto della versione lovecraftiana di HON, in cui un battaglione di soldati americani dovrà affrontare un esercito di cultisti dei Grandi Antichi. In questo caso, gli scenari si fanno più avventurosi e, così, il gioco si allontana ulteriormente dai wargame classici (amici puristi siete avvisati!). Il notevole successo riscosso nei primi giorni di finanziamento ha permesso di sbloccare una bella serie di stretch goal, che vanno dalla scatola più capiente, con tutti gli scomparti ben delimitati, ai sacchetti in stoffa per i dadi, dai personaggi aggiuntivi alle carte addizionali degli abitatori del profondo.

Consigliato a: chi è stanco dei soliti wargame e cerca qualcosa di più moderno e dinamico, e agli appassionati di Lovecraft chiaramente!

Livello di hype: alto.

Pledge minimo: 85 sterline (spese di spedizione incluse).

Scadenza: 25 luglio 2014.

Di giochi da tavolo sui pompieri non ne esistono tanti, eppure questi sono tra le persone più eroiche che possiamo incontrare nella vita di tutti i giorni. Ha fatto bene, quindi, l’americana Indie Boards & Games a puntare su questa ambientazione così sentita e il pubblico le ha dato ragione nel 2011, permettendo tramite Kickstarter di finanziare con ampio margine il suo cooperativo Flash Point: Fire Rescue. L’anno seguente sono arrivate le prime espansioni ed è stato di nuovo un successone; d’altra parte, come abbiamo avuto modo di raccontarvi nella nostra recensione, il gioco è davvero interessante. Il fenomeno si è ripetuto proprio in questi giorni, col lancio della terza espansione Call Of Duty, che ha raggiunto l’intero importo per il finanziamento in meno di un giorno. La confezione conterrà una nuova plancia di gioco double face, un nuovo specialista esclusivo e tanti segnalini aggiuntivi. Gli stretch goal non sono stati resi noti e, con ogni probabilità, non sono affatto previsti: ci auguriamo che gli autori, convinti dai numeri e dal successo, prima della conclusione della campagna aggiungano qualche ghiotta sorpresa per i loro sostenitori, ma già nei precedenti progetti qualcuno era rimasto deluso da questo punto di vista, quindi… siete avvisati.

Consigliato a: chi ama i giochi cooperativi e possiede Flash Point: Fire Rescue (ma potrebbe anche essere un’occasione per comprarlo a prezzo ridotto come add-on).

Livello di hype: alto.

Pledge minimo: 24 dollari per la sola espansione (spese di spedizione incluse).

Scadenza: 31 luglio 2014.

Mercuzio

Luca, "the Nightwriter"

vedi la biografia >>
Mercuzio

Latest posts by Mercuzio (see all)